The Secret Of The Web

17
gen

La liberazione degli elefanti

Pubblicato da The Etna Bandits in generale

Fino a qualche tempo fa, nel lontano oriente, gli elefanti erano considerati i cavalli trainanti dell’economia: aiutavano a trasportare legnami e a sollevare carichi pesanti. Quando venivano addestrati a questo scopo, veniva fatto loro credere che quello era il loro posto nel mondo, in modo che non cercassero di scappare alla minima occasione. Si potevano infatti notare enormi elefanti legati ad alberelli o paletti che avrebbero potuto sradicare facilmente con un solo gesto: la loro libertà era a portata di mano, ma non l’afferravano mai. Come mai?

Semplice. Fin da piccoli, gli elefanti venivano legati a pali resistenti abbastanza da non consentire loro di liberarsi. Il fatto è che col passare del tempo, accettavano questa limitazione come inevitabile: mentre crescevano, anche se diventavano più grandi e grossi, si rassegnavano all’impossibilità di una fuga. La cordicella che li aveva “legati” da piccoli si radicava nella loro mente come realtà inevitabile.

Diventavano prigionieri nella loro mente.

Molti di noi sono rinchiusi nella propria prigione e questa si trova solo nella mente. Col passare del tempo, mentre costruiamo la nostra prigionia, ci convinciamo che quello spazio minuscolo è tutto ciò che abbiamo e che meritiamo.

Certo, modificare una mentalità simile non è facile e richiede tempo.

Quando racconto questa storia ai miei amici, spesso mi prendono in giro: mi parlano di condizioni, di circostanze, di responsabilità…

Eppure, quale altra responsabilità può essere più importante per noi di quella che ci costringe in una prigione?

Sono profondamente convinto che ciascuno di noi sia una persona speciale e se solo non ha ancora avuto modo di rendersene conto, forse è proprio per come questa persona è stata abituata a vedersi sin da piccola.

Questa non è una colpa, naturalmente. Non può esserlo. Però possiamo fare moltissimo per recuperare, non credi?

Aggiungi un commento a questo post raccontando la tua esperienza, sia in un senso che nell’altro. Il tuo punto di vista può aiutare molte altre persone a trovare una strada migliore.

Un abbraccio forte,

Joseph

“The Etna Bandits”

Se l'articolo ti è piaciuto ... condividilo con i tuoi amici
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
  • RSS
17 gen 2010, 12:04 | Pubblicato da: The Etna Bandits | 2 commenti  
generale

18 gen 2010, 11:08am by Ilaria Cardani

Ciao Joseph,

la mia esperienza è che già solo prendere in considerazione il fatto che -forse, magari, chissà – siamo chiusi in una prigione fatta di condizionamenti antichi è un primo passo verso la libertà.

Poi, per compiere gli altri passi, sono utili la creatività e la capacità di cambiare posizione e di guardare le cose da altri punti di vista.

Il tema è proprio aprire la porta, il cancello e considerare tutte le possibilità e anche, perché no, le presunte “impossibilità” ;) .

Grazie per il tuo post e per avermi permesso l’intervento.

Buon proseguimento

Ilaria


19 gen 2010, 10:36am by Giuseppe ARena

Ciao Joseph e grazie di cuore per il post molto interessante. E’ vero. Ciò che crediamo determina inevitabilmente i risultati che otteniamo, condiziona la percezione di noi stessi e della realta che ci circonda, influenza il significato che attribuiamo agli eventi e alle esperienze della nostra vita: insomma, in poche parole, ha un enorme impatto su tutta la nostra esistenza!
Con gratitudine
Giuseppe ARena


 
*nome

*e-mail

sito web

Lascia il tuo commento


2008-2014 © EtnaBandits | SEO e WebDesign YappyWeb
Iscriviti alla newsletter e ricevi
report gratis Una breve ed efficace guida in
10 passi per trovare le tue passioni e a scoprire quelle più adatte per farle diventare il tuo nuovo modo per lavorare e guadagnare.
Nome:
Email:
* Rispettiamo la tua privacy.
Tutte le e-mail che riceverai contengono un link attraverso cui potrai cancellarti con un solo click.